VALKYRJA “Throne Ablaze”


Siamo nel 2020 e secondo la logica del primo che arriva di internet sarebbe un pò tardi per parlare di un “Throne Ablazevecchio del 2018, eppure lo faccio comunque per il semplice fatto che questi svedesi mi piacciono, musicalmente e visivamente, copertina attuale compresa anche se rimane per così dire ermetica nei contenuti perfino schiarendola per il mio blog.

Dopo averli scoperti con il precedente “The Antagonist Fire” (sufficiente) cercai a stretto giro di posta anche “Contamination” (preferibile) per riassumere gran parte delle loro gesta e trovarmi pronto all’inevitabile nuovo album che supera il relativamente riuscito full del 2013, anche se con i Valkyrja conta solo se fanno il loro fottuto dovere o no, cioè surfare tra Watain ed il Black Metal svedese ben sparato a solide velocità esecutive e senza sbavature di nessun tipo. Prima potevano risultare meno perfetti, più cupi e vagamente ridondanti (“Contamination“) ma i richiami religious nell’odierno contesto di riffoni taglienti e compatti rendono tutto più interessante invece che sembrare una citazione.

Se poi piacciono i passaggi melodici ed un drumming trinciapollo non ha proprio senso perdersi il combo di Stoccolma, che pur portando su disco uno schema personale evidente, copre molto bene con la varietà ritmica e l’ottimo lavoro di confezionamento del disco buona parte dei dubbi più immediati di qualsiasi ascoltatore medio anche solo sommariamente informato. I Valkyrja funzionano perché ci sanno fare con gli strumenti, non si risparmiano, se la giocano fino in fondo e non danno l’idea di procedere lungo un solco senza farsi domande, man mano evolovono un granello alla volta sfruttando in “Throne Ablaze” dei suoni che a me piacciono molto in questo contesto di fredda violenza sotto controllo. Quindi al bando le elucubrazioni, a me basta che il quartetto ci dia come un dannato tenendo alta la tensione con un approccio che funziona finché non dovesse risultare stancante, cosa plausibile in futuro ma per ora scongiurata.

Sono la bugia perfetta / Una ferita che respira / Di fronte alla terra / E non ci inginoccheremo… no

Opposer of Light

Comunque, da “Throne Ablaze” volevo che suonasse come… “Throne Ablaze” ed io mi reputo soddisfatto. Semplice.


World Terror Committee / anno 2018 / tracce 8 / durata 46:59
In Ruins I Set My Throne / Crowned Serpent / Opposer of Light / Tombs into Flesh / Halo of Lies / Transcendental Death / Paradise Lost / Throne Ablaze.