WOLOK “Caput Mortuum”


Riconoscere i Wolok è immediato, non altrettanto si può dire del loro stile tutt’altro che facile, ed è proprio questo modo di porsi ad essere loro croce e delizia. Dopo il mai sufficientemente apprezzato esordio per Eerie Art Records intitolato “Servum Pecus”, il duo torna sulla scena con un disco implacabilmente bislacco e deviato, perfino fastidioso ed irritante. Insomma, una conferma musicale da evitare dopo mangiato che però non bissa per nulla l’album precedente particolarmente trascinante. Questo però non significa che si possa giocare con “Caput Mortuum“, avvicinarlo per diletto tenendolo come semplice ascolto di sottofondo, pena il ricevere ad ogni distrazione una frustata sul mento come ricompensa.

I Wolok, due figuri di cui credo sia meglio non conoscere le radici della loro ispirazione. Coppia artistica dalle idee liquide, melmose, sintetiche come una pasticca con inciso sopra il loro nome e mezzo per viaggiare allucinati in un mare bluastro, sferzato da folate di vento improvvise che sollevano nubi di vetri, chiodi e bave d’acciao.

E’ straniante la sensazione di trovarsi alternativamente spaesati ma allo stesso tempo ben consci di quel che sta accadendo attorno a noi, perchè le strutture musicali, sì martoriate, sotto sotto rimangono intellegibili e con un loro filo logico, sporcate da uno strato malevolo e maniacale di distorsioni feroci, voce filtrata alla spasmo ed incursioni sonore di tutti i tipi. Spiccano intermezzi in salsa ecclesiastica che danno alla minestraccia Wolok un retrogusto sacrilego ed irriviverente, urla dantesche di donne stuprate, l’andamento a tratti elastico di “Necro Priapus Worship”. Dissonanze bislacche. Tastiere torpide. Effetti liquidi, ondulanti. Definirei lo stile della band esasperato, odioso e soffocante, cane che ruotando convulsamente su sè stesso finisce per strozzarsi con il proprio guinzaglio. L’importante è non spaventarsi o innervosirsi se si dovesse perdere e ritrovare il filo dei brani più volte durante l’ascolto.

Rapporto promiscuo / Fornicazione incestuosa / Offrendo al diavolo / Illusione e Impostura

Necro Priapus Worship

Non so fin dove potrà portarli questa ricetta musicale che dopo due album regge ancora bene ma inizia a perdere colpi. Credo che dal prossimo disco in poi dovrà cambiare qualcosa, per evitare la sensazione di conoscere già tutto ancora prima di ascoltarlo. Anche questi Wolok possono diventare prevedibilmente imprevedibili.


Those Opposed Records / anno 2009 / tracce 7 / durata 43:40
Bacterium Dei; In Vacuo; Transubs(a)tantiation; Anawyrm; Repellence Serum; Necro Priapus Worship; Incision.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...