DEVOURING STAR “The Arteries of Heresy”


Per poter completare questa recensione con i quattro dati di rito, cioè tracklist, durata ecc.. sono andato come sempre su metal archives e, ahimè, ho incrociato le foto della band. Incappucciati. Ancora. Che noia. Prendiamo gli Abhor. A loro do tutto il diritto di presentarsi così. Cercate i loro CD, spulciate bio, foto, vedeteli live e capirete di cosa parlo.

Perché agghindarsi per richiamare attenzione sulla propria proposta musicale con l’outfit? La musica parla, é esplicita, di sample se ne trovano a quintali, ma soprattutto non è cool mettersi in maschera oggi se non hai sostanza vera, quindi preferivo quando della band non si sapeva nemmeno chi fossero i membri e soprattutto mi gustavo come un bella scoperta l’esordio, che ha tutt’ora una marcia in più ai miei occhi.

Il tuo incanto completo, il tuo annullamento irrevocabile / fai un passo ulteriore nei santuari della condanna / In verità, dentro di lei si trova la tomba di un’epoca / e la chiave della nostra discesa all’ascensione.

Sin Assimilation

Se questi finnici peccano in immaginazione estetica altrettanto si può dire per quella musicale, anche se parlare di originalità nel Black Metal non ha senso. Sicuramente il disco é solido, ben suonato, impatta corposo, oscuro, non é posticcio, ma se alle spalle c’è un membro dei Krypts lo considero il minimo sindacale. A far ricordare “The Arteries of Heresy” rischia di essere più la copertina, di quelle che catturano l’attenzione se ti piacciono i disegni artistici, che la musica. Se poi conosci già il combo e vuoi capirne l’evoluzione rischi di restare “tiepido” ascoltando questo platter.

Sicuramente la band si é consolidata, ma le manca il quid pur non sbagliando nulla. I Napalm Death dicevano “Leaders not Followers” e i Devouring Star, così, di certo sono tra i secondi. Spero non inizino ad attaccare marchette per fissati del genere, sennò lo faranno con un seguace in meno. Me.

Ah, si tratta di religious.


Dark Descent Records / anno 2018 / tracce 5 / durata 35:52
Consummation; Procreation of Blood; Sin Assimilation; Scar Inscriptions; Her Divine Arteries.

VIDEO “Scar Inscriptions” ◄

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...